Varese Turismo
Principali Località

LIBERTY

UNO STILE NATURALE

imm_lago

Periodo storico stilistico formatosi dalla fine dell’800 (1890 ca.) sino alla prima guerra mondiale. Il Liberty nacque dal rifiuto degli stili storici del passato che nell’architettura di quegli anni fornivano gli elementi di morfologia progettuale.
Il Liberty cercò invece ispirazione nella natura e nelle forme vegetali, creando uno stile nuovo, totalmente originale rispetto a quelli allora in voga.
Caratteri distintivi del Liberty divennero l’accentuato linearismo e l’eleganza decorativa.
Nato inizialmente in Belgio, grazie all’architetto Victor Horta, il Liberty si diffuse presto in tutta Europa divenendo in breve lo stile della nuova borghesia in ascesa.
Adottando le nuove tecniche di produzione industriale, ed i nuovi materiali quali il ferro, il vetro e il cemento, di fatto il Liberty giunse per la prima volta alla definizione di una nuova progettualità: quella progettualità che definiamo industrial design.
I centri più importanti dello "Stile del '900" furono Torino, Palermo, Firenze, Lucca, Viareggio,  Milano, Roma, Emilia Romagna.

Il Liberty italiano, come l'Art Nouveau in Europa, deriva dalla diffusione  di un nuovo gusto, collegato alla produzione industriale, nato in Inghilterra con l'Arts & Crafts. In Italia esso nasce quando è morente in Europa a causa del ritardo del processo di industrializzazione, dell' ostilità verso le tecniche del ferro e del cemento armato e della mancanza di un moto di riforma artigiana.
Nella nostra penisola il Liberty si sviluppa in un paese sostanzialmente pigro e che sembra aver dimenticato le recenti spinte ideologiche e popolari del risorgimento, in una nazione convinta di aver superato tutti i suoi problemi per il solo fatto di essere stata finalmente unita.

Germinano nella pittura, nella scultura, nelle arti applicate e in ogni oggetto della vita quotidiana: motivi floreali, delicate nervature boschive, ambienti vegetali, viticci;in un clima di primaverile fioritura, l'arte si popola delle creature animali più piccole e indifese, di insetti e piccoli molluschi acquatici, insoliti e schivi.
Le forme con cui vengono raffigurati questi soggetti sono sempre linee curve, forme flessuose provenienti dal movimento preraffaellita ottocentesco.
Al rinnovo del gusto e della forma partecipa in modo decisivo il movimento filosofico positivista,
che con la sua fiducia nella ragione, da avvio a nuovi studi
scientifici e naturalistici con i quali l'uomo domina, o crede di dominare, la natura.

I primi segni di questa nuova epoca vennero da architetti come Hector Guimard (1867-1942) che realizzò numerosi edifici ed alberghi, oltre alle famose pensiline del metrò Parigino in pieno stile Art-Nouveau ma anche da persone come Arthur Mackmurdo design di mobili e Arthur Liberty industriale e commerciante londinese di fine 800 che iniziò a produrre stoffe per arredamento con motivi floreali dalle forme morbide e sinuose.
 
L’esposizione universale di Parigi del 1900 nella quale vennero presentati nuovi oggetti dalle linee morbide, gentili e floreali fu un punto importante per lo sviluppo e l’affermazione del Liberty nel decennio a seguire.
 
Il Liberty venne chiamato in modi diversi a secondo della nazione, universalmente conosciuto come Art-Nouveau ma anche come Jugendstil in Germania, Secessionista in Austria, Art and Craft in America e Gran Bretagna, Modernismo in Spagna e si pensa che proprio da Arthur Liberty ne derivi il nome dato in Italia a questa bella corrente stilistica.
 
Il nome Art-Nouveau invece si pensa possa derivare da un negozio sito in Parigi che si chiamava Maison de l’Art Nouveau che iniziò a sfoggiare nelle proprie vetrine oggetti di arredamento dal nuovo ed innovativo design.
 
Con la fine della prima guerra mondiale terminò il periodo naturalistico del Liberty e fece capolino, con linee più rigide e geometriche, lo stile Art-Decò.